Domenica, 15 Novembre 2015
  0 Risposta
  3.3K Visita
0
Voti
Annulla
  Segui la Discussione

Termini di Servizio, Recesso e Garanzia, Condizioni di Vendita

 

PRECISIAMO CHE  QUALSIASI TIPO DI RECESSO, ASSISTENZA, GARANZIA O ALTRA PROBLEMATICA VIENE GESTITA SOLO TRAMITE APERTURA TICKET PER OFFRIRE LA MIGLIORE ESPERIENZA.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

[b]Prodotti venduti 


I prodotti sono venduti così come forniti dal produttore e distribuiti secondo le specifiche previste dagli stessi, compresi i termini di garanzia. L'acquisto di materiale, comporta l'accettazione integrale delle condizioni di garanzia del produttore e dei termini di servizio e condizioni di vendita descritte sul sito otticatelescopio.com.

  

Diritto di recesso o Diritto di Ripensamento


Al di là della sua generica e consolidata natura civilistica, il Codice del Consumo ( Direttiva Europea 2011/83/CE sui diritti dei consumatori ) ha riconosciuto al consumatore, per i contratti conclusi a distanza e fuori dai locali commerciali, il diritto di recedere unilateralmente dal contratto stipulato per l'acquisto di beni e servizi. Il diritto di recesso consiste nella facoltà concessa al consumatore di poter unilateralmente sciogliere il vincolo contrattuale restituendo il bene acquistato (o revocando l'ordine) e conseguentemente ottenendo la restituzione del prezzo pagato.
Questa forma di recesso unilaterale presenta connotati assolutamente singolari e non comuni alle ordinarie categoria disciplinate dal codice civile, secondo cui, viceversa, salvo i casi di inadempimento, il recesso è possibile solo ove entrambe le parti di un contratto siano d'accordo.
Operata questa breve premessa, è opportuno preliminarmente individuare i casi ed i limiti in cui è possibile esercitare il diritto di recesso, come disciplinato e previsto dal Codice del Consumo.


Ambito di applicazione

Il diritto di recesso può essere esercitato solo in relazione ai contratti di compravendita di beni o servizi, conclusi a distanza, ovvero fuori dai locali commerciali, tra consumatore e professionista, e solo dal primo nei confronti del secondo, non viceversa. Per consumatore si intende la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta. Per professionista deve intendersi, invece, la persona fisica o giuridica che agisca nell'esercizio della propria attività commerciale imprenditoriale o professionale.

Il venditore deve sempre farsi carico dell'obbligo di comunicare al consumatore la facoltà di esercitare il diritto di recesso come riportato in questa pagina.


Il diritto di recesso è irrinunciabile e non assoggettabile a penali o limitazioni. Il suo esercizio non è limitato alle ipotesi di giusta causa, poichè il consumatore può esercitare il diritto di recesso senza essere tenuto a fornire alcuna spiegazione circa i motivi e le cause per cui intende sciogliere il contratto. Ogni clausola contraria, eventualmente presente, sarebbe da considerarsi nulla.


Termini

Il diritto di recesso può essere esercitato dal momento della conclusione del contratto entro quattordici giorni dal ricevimento della merce. Nel caso in cui il professionista non abbia soddisfatto, per i contratti o le proposte contrattuali negoziati fuori dei locali commerciali gli obblighi di informazione, il termine per l'esercizio del diritto di recesso e', rispettivamente, di sessanta o di novanta giorni e decorre, per i beni, dal giorno del loro ricevimento da parte del consumatore, per i servizi, dal giorno della conclusione del contratto.


Come si esercita il diritto di recesso

Il diritto di recesso si esercita con l'invio entro il termine di quattordici giorni ( 14gg ) di una comunicazione scritta alla sede del professionista mediante pec o tramite ticket dal sito otticatelescopio.com per velocizzare la richiesta ( o raccomandata ), a condizione che sia confermata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro le quarantotto ore successive ( che noi non richiediamo per evitare ulteriori costi al consumatore ).


Nella richiesta tramite ticket dal sito otticatelescopio.com o in altro modo è sufficiente inserire i propri dati, quelli relativi all'ordine e all'acquisto effettuati, comunicando l'intenzione di recedere dal contratto, con l'intimazione di restituire il prezzo pagato entro il termine tassativo di 14 giorni dalla restituzione del bene.



Esempio di richiesta da inviare per l'esercizio del recesso

Numero Ordine e Richiesta di Recesso 

    (mittente)
    Nome, cognome
    indirizzo
    (destinatario)
    Spett.le
    Sede legale del professionista


   ( Luogo e data Raccomandata a.r. nel caso viene inviata ) ma consigliamo di inviare la richiesta tramite ticket dal sito otticatelescopio.com.

Oggetto: Recesso dal contratto


 Ai sensi e per gli effetti dell’art. 64 e ss. del D.Lgs. 206/05 ( Direttiva Europea 2011/83/CE sui diritti dei consumatori ), con la presente Vi comunico formale recesso dal contratto concluso in data (data), distinto con numero identificativo ordine numero, per l’acquisto di (oggetto). Vogliate, pertanto, corrispondermi euro (costo), pari al prezzo pagato per il suddetto acquisto.

    Ai fini della restituzione dell’importo, comunico le seguenti modalità di pagamento: (modalità di pagamento) Trascorsi giorni quattordici dal ricevimento del bene restituito, ove  non abbiate adempiuto all’accredito nella misura e nelle modalità su indicate, saranno adite le via legali con aggravio di spese a Vostro carico.

    Distinti saluti.

    (FIRMA)

 
Obblighi delle parti

Qualora sia avvenuta la consegna del bene, il consumatore e' tenuto a restituirlo o a metterlo a disposizione del professionista secondo le modalità ed i tempi previsti dal contratto. Il termine per la restituzione del bene non può comunque essere inferiore a quattordici giorni decorrenti dalla data del ricevimento del bene. Precisiamo che qualora il bene non rientri come detto e descritto anche nel codice del consumo, l'azienda non rimanda indietro il bene ma accetterà comunque il recesso solo che si preserverà di valutare il prodotto come usato scorporando l'iva sul bene e minimo il 50% del suo valore d'acquisto rimborsando solo il restante all'acquirente, salvo che il bene non sia rotto o abbia danni che fanno diminuire o perdere del tutto il suo valore.

 

Come inviare la comunicazione di recesso:

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ticket: tramite ticket dal sito otticatelescopio.com

Raccomandata: Satelliti e Multimedia SAS Via Cairoli 93/95 San Nicola La Strada CE 81020



Acquisti con credito al consumo

Qualora il bene sia stato acquistato, in tutto o in parte, con l'ausilio di un credito che il il professionista o un terzo abbiano concesso al consumatore, l'esercizio del diritto di recesso risolve di diritto anche il contratto per la concessione del credito. Anche in questo caso, sul consumatore non può essere addebitata alcuna penale per il recesso, nè alcun obbligo conseguente. A tal fine, anche nell'ipotesi in cui il credito sia stato prestato da un terzo, l'obbligo di informare il terzo dell'avvenuto recesso da parte del consumatore, non grava sul consumatore, ma sul professionista.

Esclusioni

Non esiste il diritto di recesso per le vendite a distanza:




  •     di strumenti finanziari;
  •     di Acquisti con buono docente siccome non rimborsabile
  •     tramite distributori automatici;
  •     tramite telefono pubblico;
  •     per la costruzione e acquisto di beni immobili (per i contratti di locazione a distanza esiste invece il diritto di recesso);
  •     per la fornitura di prodotti alimentari o di uso domestico corrente consegnati con scadenza regolare;
  •     di servizi relativi all’alloggio, ai trasporti, alla ristorazione, al tempo libero, quando e’ prevista una data o un periodo  determinato per la fornitura                      (per esempio con prenotazione);
  •     di servizi la cui esecuzione sia iniziata prima di 10 giorni lavorativi;
  •     di beni e servizi il cui prezzo e’ legato al tasso di interesse e non puo’ essere controllato dal venditore;
  •     di beni confezionati su misura o personalizzati
  •     di prodotti audiovisivi o software sigillati aperti dal consumatore (per esempio un DVD sigillato);
  •     di prodotti soggetti ad utilizzo come dispositivi di protezione individuali
  •     di giornali, riviste e periodici;
  •     di servizi di scommesse e lotterie;
  •     di prodotti prenotati e ordinati su richiesta del consumatore.

 

Garanzia di 2 Anni su Tutti i prodotti come previsto per legge


 

5) Per quanto tempo si estende la garanzia dei beni di consumo?

Mi è stato detto che dopo i primi sei mesi è il consumatore a dover provare la causa del vizio. E’ così?

 

R. La garanzia dei beni di consumo si estende per due anni; se il difetto si presenta entro sei mesi si presume che esistesse già al momento dell'acquisto e in questo caso l'onere della prova spetta al venditore. Al contrario, se il difetto si manifesta dopo sei mesi, sarà il consumatore a dover dimostrare che il prodotto era difettoso già al momento dell'acquisto.

 

Otticatelescopio Difende i suoi e tuoi diritti di consumatore

Tutti i clienti sono tutelati extragiudizialmente 

 

Regolamento ODR
Piattaforma ODR  disciplinata dal regolamento (UE) n. 524/2013 del Parlamento e del Consiglio del 21 maggio 2013 per risolvere extragiudizialmente le controversie nascenti dai contratti di acquisto online di beni e servizi (Online Dispute Regulation)

 

Cosa sono le ODR?
Il Regolamento europeo sulle Online Dispute Resolution (ODR) - regolamento (UE) N. 524/2013 del parlamento europeo del 21 maggio 2013 – riguarda le procedure destinate a risolvere extragiudizialmente le controversie tra imprese e consumatori originate dai contratti di beni e servizi stipulati online.

 

ODR e ADR

Insieme, la direttiva europea sulle Alternative Dispute Resolution (ADR) ed il Regolamento (UE) n. 524/20013, costituiscono il pacchetto legislativo ADR-ODR che, per la prima volta, introduce un set coordinato e omogeneo di regole: una piattaforma web online per tutta la Ue e procedure per la risoluzione alternativa delle controversie.

 

Come fare un reclamo per controversie relative a contratti  online?
I consumatori e le imprese hanno un punto di accesso unico costituito dalla piattaforma ODR istituita del regolamento 524. Attraverso organismi ADR che sono collegati alla piattaforma, consumatori e imprese hanno a disposizione un servizio di soluzione alternativa delle controversie di consumo tramite procedure ADR di qualità.

 

Cosa fare se sei un Consumatore e hai problemi a far rispettare i tuoi diritti?
Per risolvere extragiudizialmente le controversie con le imprese derivanti dagli acquisti di beni e servizi effettuati online o attraverso i mercati online (cosiddetti Marketplace), i consumatori possono collegarsi alla piattaforma telematica ODR, gestita dalla Commissione europea, raggiungibile all’indirizzo "https://webgate.ec.europa.eu/odr" , una volta collegati il consumatore può scegliere l’organismo a cui rivolgersi per risolvere la controversia e attivare la relativa procedura.

 

Articolo 14 ODR
L’articolo 14 del Regolamento (UE) n. 524/2013 stabilisce che le imprese che stipulano contratti di vendita e servizi online  o operano nei mercati online (cosiddetti Marketplace), devono pubblicare sui propri siti web un link elettronico alla piattaforma ODR:   https://webgate.ec.europa.eu/odr

 

Associazione Consumatori
Per maggiori informazioni ci si può rivolgere alle associazioni dei consumatori iscritte nell’ elenco nazionale.

 

Foro Competente 

Per ogni attività legale il foro competente è di Santa Maria

 

Per qualsiasi problema contatta sempre il servizio clienti otticatelescopio che è sempre a tutela del consumatore rispettando quanto previsto dalla legge.
Leggi tutto l'articolo
Non ci sono ancora risposte per questo post.
Sii uno dei primi a rispondere a questo post!